Storytelling – Come trasformare l’esperienza in narrazione

Le storie hanno un valore speciale per le persone. L’esigenza di trasformare l’esperienza in narrazione accompagna da sempre il percorso dell’uomo e, contemporaneamente, anche la nostra crescita personale avviene attraverso la lettura e l’ascolto di racconti. Dedichiamo una grossa parte del nostro tempo libero a leggere, a guardare film o ascoltare musica, in sostanza, esploriamo storie. La favola ha un potere unico perché insieme all’informazione porta con sé anche una motivazione. Non si limita a esporre dei contenuti, ma ci spinge a rispondere emotivamente a ciò che ascoltiamo.

Alcune ricerche neurologiche sembrano confermare questa teoria, dimostrando che il nostro cervello risponde molto più attivamente quando le nozioni ci arrivano in forma di racconto.  Oltre ad attivare la parte cerebrale legata al linguaggio infatti le storie attivano anche la parte legata all’esperienza. Ci coinvolgono perché proiettiamo noi stessi nelle parole del nostro interlocutore.

Questo ruolo speciale della narrazione non è sfuggito al mondo delle aziende, e così negli ultimi decenni il concetto di storytelling è cresciuto progressivamente in popolarità, fino ad essere considerato un concetto cardine per lo sviluppo e una scelta economica decisiva da adottare.

Ma che cosa si intende di preciso quando si parla di storytelling in ambito aziendale e come possiamo trasformare questa skill in successo personale e della nostra impresa?

Storytelling e marketing

Il marketing è indubbiamente l’ambito in cui la teoria della narrazione si è espressa con più successo. A partire dagli anni 90 le aziende hanno intrapreso la strada del coinvolgimento emotivo del cliente: colpirlo e farlo affezionare ai valori del  proprio marchio, prima ancora di provare a vendere qualcosa. I prodotti hanno iniziato a coprire uno spazio sempre minore all’interno degli spot e le campagne pubblicitarie sono diventate oggetti in grado di diventare parte integrante della cultura popolare. Oggi, nell’era digitale, il successo di una campagna non si misura più in prodotti venduti, ma in persone raggiunte e viralità.

Storytelling in ufficio

La narrazione è una competenza chiave anche nel suo apporto quotidiano alla vita dell’ufficio. Ogni giorno ci succede di dover prendere decisioni, analizzare ciò che è andato bene e rivalutare ciò che è andato male. Lo storytelling è quella skill che ci permette di andare oltre la logica e inserire le nostre decisioni in un sistema complesso di valori. Tipicamente è una competenza chiave a livello manageriale, ma la sua efficacia cresce di molto quando la vision aziendale è qualcosa che scende  a cascata lungo l’organigramma  e viene abbracciata a tutti i suoi livelli.

Storytelling personale

Infine, il terzo ambito in cui si manifesta l’importanza dello storytelling, è quello personale. La ricerca del lavoro è un ambito permeato dalla competizione, e allora perchè non spiccare tra la massa, offrendo alle aziende anche una storia? Il personal branding è la capacità di raccontare sé stessi in modo coinvolgente, accompagnare alle esperienze del proprio curriculum una narrazione che le completi. Non fermiamoci a dire cosa abbiamo fatto nelle nostre esperienze precedenti, il CV può essere anche uno spazio per raccontare chi siamo e come ci siamo arrivati.

A questo proposito, leggi anche i nostri consigli per migliorare il tuo CV.

Vieni a scoprire i nostri corsi di marketing e strategie per social media!

Luca

Social Media Manager