Maggior sostenitore:

Realizzato grazie a Compagnia di San Paolo e all’equipe di Iniziativa Moi.

MigranTo è il nuovo progetto sociale di SPFormazione, finanziato da Compagnia di San Paolo, che ripropone  la filosofia e i valori oggetto di “La Persona al Centro”, cioè la valorizzazione dell’individuo, delle sue capacità e dei suoi interessi. Tutto ciò è il punto di partenza per mettere in moto un cambiamento, da “soggetti che dipendono dall’assistenza” a “risorse autonome e protagoniste del proprio progetto di vita e di lavoro”.

 
 
 
 
 

Il Progetto

Questo progetto ripropone la filosofia e i valori oggetto di “La persona al centro”. Ma le modalità di svolgimento delle attività sono riviste e migliorate, sulla base di quanto imparato durante il precedente progetto. L’obiettivo finale è l’inserimento di tutti e 10 i beneficiari in aziende specifiche, ricercate e identificate sulla base delle competenze reali delle persone, individuate durante le prime fasi del progetto. Un’attenzione particolare sarà dedicata alle donne, se presenti tra i beneficiari. Questo perché le donne migranti sono spesso sottoposte a un doppio meccanismo di discriminazione: in quanto donne sono vittime della differenziazione sulla base dell’appartenenza di genere; in quanto migranti sono straniere e portatrici di un bagaglio culturale sconosciuto e inconoscibile.

Le Fasi

Basandoci sui risultati e su quanto osservato durante il progetto “La Persona Al Centro”, MigranTO si svilupperà in tre fasi diverse:

ORIENTAMENTO

FORMAZIONE

INSERIMENTO LAVORATIVO

In base a quanto emerso durante il progetto “La Persona Al Centro”, la fase di inserimento sarà basata su una strategia diversa. Si  pattuirà con le aziende la possibilità di effettuare delle giornate di prova, dopo le quali l’utente potrà individuare l’azienda che meglio si adatta alla sue capacità professionali e inclinazioni personali. In seguito, sulla base della scelta effettuata, potremo inserire i partecipanti con contratti a lungo termine.

I Partner

ASSOCIAZIONE FORMAZIONE 80:

In qualità di agenzia accreditata da Regione Piemonte e come esperti di orientamento individuale e di gruppo, si occuperanno della fase di orientamento e tutoraggio, in costante cooperazione con SPFormazione.

CISV SOLIDARIETA’ SCS:

Sarà coinvolto durante tutte le fasi del progetto, con particolare attenzione e sensibilità specifica per le beneficiarie donne. Parteciperà quindi all’orientamento e al tutoraggio dei partecipanti di sesso femminile.

SYNERGIE Agenzia per il lavoro:

Metterà a disposizione la sua banca dati di aziende, oltre alle sue competenze nell’ambito dell’inserimento lavorativo, per garantire l’inserimento più corretto.

FEDERFORMAZIONE:

Offrirà una consulenza qualificata nell’individuazione degli strumenti e delle metodologie applicabili ai percorsi di formazione destinati agli utenti.

Un Manuale

Ci siamo spesso concentrati in precedenti progetti nell’investigare a fondo le aspettative, necessità, sogni e bisogni delle persone.  Grazie all’attivazione di questo progetto si vuole andare oltre e fare un’indagine più profonda sulle opinioni e sui pensieri dei migranti. Con MigranTO, vogliamo capovolgere il discorso e le domande. Non chiedersi più cosa gli italiani pensano dei migranti, ma cosa i migranti pensano degli italiani.

Soffermarsi su cosa pensano loro della cultura, delle modalità di lavoro, delle persone stesse che incontrano in Italia, di come ciascun migrante ha dovuto sviluppare un forte senso di adattamento, potrebbe restituirci una visione del nostro lavoro da un’altra prospettiva. Una nuova lettura del nostro fare ci può permettere di individuare nuove criticità e portarci al miglioramento della nostra operatività, efficienza ed efficacia.  Ecco perché trasversalmente a tutte le fasi di sviluppo del progetto, si condurrà una raccolta di dati e informazioni, per redigere una ricerca finale che possa indagare questi aspetti.

Le Finalità

In alcuni casi è da anni che molti migranti in fuga da guerre civili, persecuzioni o povertà nei loro paesi di origine, si stanziano in città. Qui, sono costretti ad involontari e continui trasferimenti. Le cause sono molte: sgomberi, accoglienze a tempo determinato, progetti finiti nel vuoto, impossibilità di accedere ad un lavoro, o almeno ad una formazione degna di questo nome. MigranTO si prefigge l’obiettivo di lavorare con una decina di migranti eterogenei, che abbiano bisogno della necessaria formazione linguistica e professionale, che permetta loro di accedere ad un percorso di inserimento lavorativo in Italia.